Giunti alla fine dell’anno, per noi digital marketer è tradizione scrivere di due argomenti:

  • Dati e osservazione sull’anno appena concluso.
  • I trend per l’anno che verrà.

In questo articolo, come Specialisti Digitali proviamo a proporre i nostri digital trend 2020.

Pronti? Iniziamo

Social Media Marketing

Il 2019 è stato l’anno del boom di Tik Tok e dell’entrata in gioco di Pinterest tra i paid media con il suo servizio di advertising.

Questo ha portato Instagram ad impegnarsi più del solito per sfornare novità e aggiornamenti ed evitare di perdere pezzi di pubblico, soprattutto tra giovani e giovanissimi, nei confronti del social cinese.

Nel 2020 questo duello sarà ancora più agguerrito. Un esempio? Nei mercati in cui Tik Tok non è ancora così affermato, come il Brasile, Instagram sta testando Reels, una app fotocopia di Tik Tok per provare a fermarne la crescita.

Tornando a Pinterest, la forte crescita di utenti attivi e il suo affermarsi come il secondo social dopo Instagram in settori come design, arredamento e moda, ha portato alla nascita di un servizio proprietario per permettere ai brand di vendere i propri prodotti direttamente dalla piattaforma social.

Il protagonista del 2020 però, resterà lui, Instagram.

Aver rubato le stories a Snapchat è stata la mossa più azzeccata dalla nascita del social network. Le Instagram Stories sono così popolari che hanno superato la quantità di post nella bacheca. Il 51% dei contenuti prodotti su Instagram sono infatti stories.

Altra novità, che farà storcere il naso alle ormai tantissime agenzie di Influencer Marketing, è il fatto che Facebook stia già testando una piattaforma proprietaria in cui creatori di contenuti e Influencer potranno comunicare, interagire e gestire le campagne direttamente con i brand.i

Advertising

Gli spazi pubblicitari iniziano a scarseggiare, i costi continuano ad aumentare, quindi ogni idea per dare nuove possibilità agli inserzionisti verrà provata.

Nel 2019 abbiamo visto Facebook includere le ads nella barra di ricerca e ha visto potenziare l’adv su Instagram permettendo la pianificazione da creator studio, potenziando gli insights e inserendo dei mockup di stories predefiniti per le ads.

La portata organica ormai ridotta a 0 su Facebook ed in forte calo su Instagram, si tradurranno in un fortissimo incremento degli investimenti in ads, ed una sempre maggiore importanza e attenzione sulla strategia dietro alle campagne e sulla loro ottimizzazione.

Google ha introdotto una serie di novità, soprattutto per la piattaforma shopping, per aumentare l’appeal degli e-commerce verso i servizi di  advertising di Google, che stavano un po’ perdendo punti rispetto a quelli del concorrente principale Facebook, ma anche per contrastare lo strapotere di #amazon che con le sue amazonads vuole rendersi sempre più indipendente e attraente.

Proprio per contrastare Amazon, Google sta testando nuove soluzioni per il formato shopping (per ora in test in USA), come:

  • Fornire un’esperienza personalizzata sulla base dei precedenti acquisti, delle ricerche online e delle liste
  • Acquisti che possono dar luogo ad una consegna a casa o al prelievo in negozio
  • Pagamenti gestibili anche dalle carte salvate sull’account Google
  • Garanzia Google su resi e rimborsi.
Cosa ne sarà di questo 2020? I digital trend secondo noi. 1

Le new entry nel mondo adv, e che prometteranno un 2020 di fuoco, sono le pinterest ads, le tik tok ads e, soprattutto, le amazon ads. Mentre le prime sono in una fase embrionale (e quindi ancora economiche), le seconde sono accessibili solo su richiesta (per il momento) ed impattano su una nicchia demografica di mercato relativamente ristretta, le ads di amazon si sono ormai imposte come un asset fondamentale per chiunque voglia vendere su amazon il proprio prodotto.

Growth Hacking

Nato appena 4 anni fa, questo nuovo modo di pensare alla crescita ha rivoluzionato non solo il modo fare marketing, ma al modo in cui concepire l’azienda. Growth hacking, come ci spiega gaito nel suo secondo libro, è soprattutto un nuovo approccio mentale, una serie di nuove routine che permettono alle aziende, oggi non più soltanto hi-tech o startup, di garantirsi una crescita esponenziale, rapida, ma soprattutto sostenibile nel tempo grazie a dei cicli di sperimentazione.

Oggi più che mai in un mondo che cambia da un giorno all’altro, avere una azienda che può permettersi in un mese di sperimentare 30 – 40 – 50 nuove idee da cui ricavarne anche solo una vincente, diventa un vantaggio competitivo enorme, perché permette alle aziende di cavalcare il cambiamento invece che rincorrerlo.

Con il Growth Hacking non esiste più il leader di mercato, esiste l’azienda che riesce a percorrere il percorso che va dal trovare l’idea vincente, validarla sul mercato, lanciarla e sostenerla prima e meglio degli altri.

Se hai un e-commerce, una startup tecnologica, una fabbrica di bottoni, persino un agriturismo o un B&B, il growth hacking è l’arma vincente ADESSO e ancora di più nel 2020.

Smart Home e Marketing Automation

Apparentemente due temi separati, che abbiamo messo insieme perché rispondono alla stessa domanda di fondo: delegare sempre di più l’operatività alle macchine.

Perché alzarsi dal letto per accendere la luce quando con la voce puoi farlo fare ad alexa? O perché accendere il pc, andare sul browser, digitare “ristorante in centro a Milano”, scorrere fra le decine di risultati, leggere le centinaia di recensioni e infine scegliere il ristorante, quando puoi lasciar fare tutto all’assistente vocale di Google?

Perché rispondere sempre alle stesse domande dei clienti quando può farlo un chatbot al posto tuo? Ma non solo: grazie alle integrazioni con i servizi di pagamento come Paypal, un utente può passare da contatto freddo a cliente pagante e fedele, senza mai lasciare la chat di messenger.

Perché pubblicare post su facebook e instagram o la #newsletter del mio ecommerce ogni giorno quando posso programmarli e comandare al mio software di inviare un messaggio a quel cliente, e solo a quel cliente, perché è risultato interessato a quello specifico argomento, ha interagito in un certo modo alle mie campagne pubblicitarie, ha effettuato una serie di passaggi specifici all’interno del mio crm?

E questa la “magia” della automazione.

Già oggi il 70% delle ricerche su google sono vocali, il 69% delle aziende usa software di mail automation social media planning e CRM.

Nel nel 2020 questi numeri aumenteranno ancora, rendendo l’investimento in automazioni uno fra i più importanti in termini economici e strutturali.

Sviscerati i nostri digital trend 2020 ti chiediamo: sei pronto ad affrontare questi cambiamenti nella tua azienda?

Hai a disposizione un team di growth hacking per sperimentare nuove idee e strategie?

Hai acquisito strumenti e competenze per automatizzare il tuo marketing, la tua lead generation, le tue vendite?

Conoscevi già le nuove opportunità offerte da Google, Facebook, Amazon, Pinterest e Tik Tok?

Hai già iniziato ad aggiornare la tua strategia SEO per applicarla agli assistenti vocali come Amazon Alexa e Google Home, così essere tu la loro prima (ed unica) scelta?

Se la risposta è NO, non preoccuparti. Richiedi una consulenza gratuita e capiremo insieme come possiamo aiutarti.